Tag

, , , , , , , , , , , , , ,

Davvero non ci capiamo nulla. Ciò nonostante non sappiamo sottrarci al fascino della scrittura.
Guardiamo ammirati a bocca aperta attraverso il vetro queste parole incomprensibili che ci vengono dritte dritte da un passato remoto, o forse addirittura da un trapassato remoto.

Due lamine in limgua etrusca ed una in lingua fenicia - Fine VI secolo a.C.

Due lamine in limgua etrusca ed una in lingua fenicia – Fine VI secolo a.C.

Tavoletta in terracotta con testo lessicale - VII/VI sec. a.C. - Periodo Neo Babilonese

Tavoletta in terracotta con testo lessicale – VII/VI sec. a.C. – Periodo Neo Babilonese

Anche quando la parola è scritta in un alfabeto a noi comprensibile in definitiva restiamo ammirati dalla calligrafia, dall’arte di trasformare una semplice lettera in qualcosa di altro, al di là del suo significato e del suo uso più proprio.

Codici miniati

Codici miniati

Nella loro disarmante semplicità o trasformate fino all’esasperazione al punto tale da diventare quasi irriconoscibili le lettere

Miniatura

Miniatura

Miniatura

Miniatura

finiscono con il racchiudere piccoli mondi fantastici, di cui di nuovo non capiamo completamente il simbolismo e il significato, ma certamente ne apprezziamo la bellezza e la complessità.

Miniatura

Miniatura

E’ il fascino discreto dell’alfabeto con cui ci misuriamo da quando siamo bambini: librini ed alfabetieri popolano la nostra infanzia. Ognuno di noi avrà avuto una o più lettere preferite con le quali giocare a modificarne la forma e la struttura.
E questo gioco oggi si può ripetere in più varianti utilizzando un semplice programma di scrittura per computer.

Certamente con minor fascino di quanto non sia possibile trovare nei codici miniati o sui muri grigi delle nostre città, che per fortuna vengono scelti spesso come quaderni e libri su cui scrivere.

E qui la ricerca del segno grafico o meglio calligrafico si fa spesso raffinato. Lettere che spaccano muri lasciando breccie da cui si può sbirciare un cielo blu.

Muro FS - Granatello -

Muro FS – Granatello –

Lettere che si incastrano le une dentro le altre a volte irriconscibili ma certamente colorate.

Muro FS - Granatello - Portici.

Muro FS – Granatello – Portici.

A volte ci strappano un sorriso per la loro disarmante semplicità che ricorda altri tempi più personali quando si inventavano curiosi alfabeti fatti di faccine (i precursori degli emoticon di oggi) per creare messaggi in codice che solo pochi, quelli che conoscevano la regola della codifica, potevano comprendere.

KAF - Napoli

KAF – Napoli

Quando si giocava con la calligrafia alla ricerca di nuovi segni alfabetici per creare scritte uniche (anche nella loro semplicità) da poter utilizzare al ciclostile o sui tazebao completamente realizzati a mano.

Lettere da ciclostile anni 1975 - 1980

Lettere da ciclostile anni 1975 – 1980

Sui muri delle nostre città d’altra parte è facile che il calligrafo si sia impegnato a creare qualcosa di bello e che non tutti possono decodificare. Ma forse non è nemmeno così necessario che si comprenda la scritta, dove le lettere possono accompagnarsi mostri di varia natura, in un’eterna lotta tra il bene e il male, ma che si apprezzi il fatto che qualcuno è passato di lì lasciando un segno su un muro grigio.

Tuscolana FS - Roma

Tuscolana FS – Roma

Oppure sul muro troviamo scritte incomprensibili per altri motivi ma che ricordano che insieme alle nostre, altre lotte vengono ogni giorno combattute a costi altissimi.

Gojo - Metro San Paolo - Roma

Gojo – Metro San Paolo – Roma

L’uso calligrafico delle lettere è infinito. Infinita è la possibilità di combinazione dei segni ed infinito è il numero delle cose che con essi si possono fare.

Daniele Tozzi (aka Pepsi) - Tor Pignattara - Roma

Daniele Tozzi (aka Pepsi) – Tor Pignattara – Roma

Una delle cose che si possono fare è creare infinita sorpresa nel passante o in chi attende.

Opiemme - Gaeta

Opiemme – Gaeta

 

P.S.: Le foto dei codici miniati sono le uniche di questo post scaricate dalla rete nei diversi siti che ne permettevano l’accessibilità. Ringrazio i diversi autori delle foto per questo.